Espressionismo

"Untitled" by Paul Klee Art Exhibition Poster

 

 

“L'arte non riproduce il visibile; rende visibile. "
Paul Klee




Il movimento artistico espressionista iniziò alla fine degli anni 19th-secolo e durò fino alla metà degli anni '1920. Con radici nell'impressionismo e nel postimpressionismo, Espressionismo abbandonò l'arte realistica e storicamente accurata a favore di realtà esagerate, oscure e distorte. Ha cercato di evocare sentimenti e stati d'animo piuttosto che rappresentare la realtà fisica. Attingendo al romanticismo, ha enfatizzato le idee soggettive degli artisti e le esperienze di intense emozioni psicologiche. Attingendo a preoccupazioni spirituali ed esistenziali, l'arte espressionista incapsulava le ansie dell'epoca. 
 

La fine del XIX secolo fu un periodo di enormi cambiamenti. La nuova tecnologia e l'urbanizzazione industriale avevano trasformato le città e le vite della classe operaia, e non in meglio. Molti vivevano in estrema povertà e morivano giovani perché sottoposti a lavori pericolosi e disumanizzanti da parte di aziende che prediligevano la produzione alla vita umana. Il crimine era dilagante e i problemi di salute mentale erano ai massimi storici. La spiritualità era in declino, così come i sentimenti di esistenza ed esperienze autentiche. Un terrore esistenziale aleggiava nel mondo; le persone erano preoccupate per il mutamento del rapporto dell'umanità con il mondo e se stessi.  

Gli artisti che hanno affrontato questo esistenzialismo in modo positivo erano conosciuti come impressionisti. Gli artisti che hanno abbracciato questo movimento, che è durato all'incirca dal 1860 al 1880, si sono allontanati dall'arte tradizionale per un lavoro brillante e colorato che era stato progettato per evidenziare la bellezza naturale del mondo, la connessione spirituale che sentivano con esso e il loro desiderio di tornare ad esso. Questi artisti hanno guardato verso l'esterno. Due dei migliori esempi sono Vincent van Gogh e Claude Monet. 

 

Tuttavia, con l'aumentare dell'industrializzazione e dell'urbanizzazione, gli artisti si sentirono sempre più distaccati dal loro ambiente fisico e furono sconvolti da disordini psicologici. Molti erano depressi, ansiosi e stressati. Questi artisti, post-impressionisti, avrebbero gettato le basi per l'espressionismo. Artisti come Edvard Munch hanno abbracciato gli aspetti più oscuri dell'arte usandola per infondere i loro pensieri e sentimenti nel loro lavoro. Hanno abbracciato pennellate spesse e vorticose, colori contrastanti e soggetti alienati per esplorare temi oscuri come l'isolamento, la follia, la depressione, il dolore e l'esistenzialismo. Questi artisti hanno guardato interiore. Lo stile emotivo introspettivo e crudo di artisti come Munch ha aperto la strada all'espressionismo. 

 

Mentre l'espressionismo comprende numerosi artisti e stili, le sue origini si trovano prevalentemente all'inizio degli anni '20th-secolo Germania. Nella città di Dresda nel 1905, un gruppo di studenti tedeschi - Ernst Ludwig Kirchner, Fritz Bleyl, Karl Schmidt-Rottluff ed Erich Heckel - hanno formato il gruppo Die Brücke (The Bridge). Questi uomini erano studenti di architettura che desideravano diventare pittori. Volevano staccarsi dal neoclassicismo e invece cercavano di trasmettere emozioni crude. 


 

Nel frattempo, a Monaco, si è formato Der Blaue Reiter (The Blue Rider) per protestare contro il rifiuto di Wassily Kandinskyla pittura The Last Judgment (1910) da una mostra locale. Die Brücke si basò molto sull'opera esistenzialista del filosofo tedesco Friedrich Nietzsche e si ispirò agli artisti medievali tedeschi, come Matthias Grünewald e Albrecht Dürer. Questa ispirazione li ha spinti a utilizzare l'incisione su legno per creare il loro manifesto. Der Blaue Reiter è stato attratto più da rappresentazioni simboliche e astratte ispirate al primitivismo, al fauvismo e al cubismo. Sebbene Der Blaue Reiter fosse dominato dagli uomini, attirò artisti femminili, tra cui l'artista russa Natalia Goncharova che ha co-fondato il movimento artistico del Rayonismo nel 1911. 


 Autoritratto di Albrecht Dürer

Autoritratto, Albrecht Dürer 

Nessuno di questi gruppi si è definito espressionista. Il termine non è entrato nella coscienza pubblica fino a quando lo storico dell'arte ceco Antonin Matejcek non l'ha usato per descrivere il lavoro che considerava l'opposto dell'impressionismo. Il lavoro di questi gruppi è caratterizzato da pigmenti di colore evocativi, scuri e innaturali che hanno trasmesso le emozioni interiori degli artisti. Hanno applicato pennellate esagerate, frastagliate (spesso violente) e distorte per raffigurare soggetti meno che socialmente accettabili come nightclubbers, ballerini, prostitute e la classe operaia inferiore nelle città. Anche la loro effettiva applicazione della vernice è gratuita e fortemente strutturata per evocare forti emozioni. Le loro tele erano intrise di un'angoscia molto carica. Il loro lavoro ha enfatizzato l'orrore grottesco della crescente alienazione dell'umanità verso se stessi e gli altri esseri umani grazie all'industrializzazione. L'urbanizzazione contemporanea è stata trasmessa attraverso l'arte che ha evocato intensi sentimenti di violenza e disgusto. La vita moderna non era qualcosa da abbracciare, suggerivano gli espressionisti; era qualcosa da temere. 


 

Il loro lavoro ha contribuito ad accendere una nuova passione per le possibilità dell'arte evidenziando un libero e espressivo approccio all'arte. Sebbene Die Brücke e Der Blaue Reiter abbiano avuto vita breve - letteralmente, poiché molti dei loro membri sono morti combattendo nella prima guerra mondiale - il loro impatto sull'arte è stato straordinario. Nella sola Germania, lo stile è diventato la caratteristica distintiva del cinema della nazione a causa della sua capacità di denotare l'atmosfera del dopoguerra, uno di disincanto, alienazione e pessimismo. I film di quest'epoca rimangono popolari fino ad oggi, con film psicologicamente oscuri e visivamente stridenti come Metropoli, Nosferatue Il Governo del dott. Caligari spesso citato come tra i migliori film della storia. Tuttavia, il movimento fu condannato dai nazisti e estinto negli anni '1930. Hanno visto l'arte espressionista come degenerata e hanno distrutto migliaia di opere d'arte. 

 

Poster del film Metropolis

Poster per il film tedesco del 1927 Metropolis 

L'espressionismo era popolare in Francia e in Austria durante la prima guerra mondiale e gli anni '1920. I francesi hanno abbracciato il suo uso vivido e insolito del colore e la distorsione stridente, che è particolarmente notevole nelle opere di Marc Chagall, George Rouault e Chaim Soutine. Gli artisti austriaci hanno utilizzato i colori scuri dell'espressionismo, i soggetti distorti e le linee spesse per trasmettere la loro disillusione per la depravazione dell'Austria moderna. 

L'espressionismo si è riacceso negli Stati Uniti negli anni Quaranta e Cinquanta con la creazione dell'avanguardia dell'Espressionismo Astratto. Questo movimento ha utilizzato colori vivaci e pennellate spontanee per trasmettere le intense emozioni e idee degli artisti. Uno dei più famosi artisti espressionisti astratti è Jackson Pollock. Alla fine degli anni '1940, il neo-espressionismo era emerso in risposta all'arte minimalista e concettualista. Attingendo ai loro predecessori tedeschi, questi artisti rappresentavano i soggetti in modi viscerali, evocativi e intensi attraverso pennellate fluide e fortemente strutturate. 



Leggi

 

Edvard Munch: l'artista famoso per "The Scream"

Il pittore norvegese Edvard Munch è meglio conosciuto per il suo lavoro "The Scream" che è diventato una delle immagini più iconiche del mondo dell'arte. Questo post del blog ti offre uno sguardo più da vicino sulla vita turbolenta e sul viaggio artistico dell'artista.

 

Paul Klee: maestro del Bauhaus

Paul Klee era un artista tedesco nato in Svizzera, ampiamente considerato un pioniere dell'arte astratta. Era una figura chiave nel movimento artistico Bauhaus e una grande influenza sull'arte modernista e surrealista del 20 ° secolo. Qui scoprirai di più sulla sua vita personale e sul suo viaggio come artista. 

 

Il padre dell'arte astratta: Wassily Kandinsky

Le potenti opere d'arte del pittore e teorico d'arte russo Wassily Kandinsky portano gioia in ogni spazio abbastanza fortunato da esserne abbellito. Insieme ai suoi dipinti, Kandinsky offre idee preziose come teorico dell'arte, che sono senza tempo e quasi poetiche.

 

 

 

0 commenti

Lascia un commento

Tutti i commenti del blog vengono controllati prima della pubblicazione